Rapporti economici tra Italia fascista e Germania nazista

12,00

30 disponibili

COD: 1307 Categoria:

Descrizione

Giada Billi è dottoressa in Storia contemporanea e socia Mensa Italia dal 2000, svolge attività di insegnamento umanistico presso varie scuole medie secondarie del ravennate ed effettua ricerche storiche in collaborazione con il Centro Studi e Ricerca sulla Repubblica Sociale di Salò. L’alleanza italo-tedesca durante la seconda guerra mondiale si è chiusa con l’occupazione della nostra penisola e con la formula dell’“alleato occupato” proposta da Lutz Klinkhammer; dal 12 settembre 1943, con la liberazione di Mussolini, tutto cambiò e l’Italia divenne per i nazisti un territorio da controllare e da sfruttare in termini economici ed industriali, tanto più in una fase di progressivo abbandono dei territori occupati dell’est europeo che erano stati un’area di folle saccheggio. Molte sono state le ricerche relative allle economie fasciste e naziste viste singolarmente ma poche e incomplete le ricerche riguardanti i rapporti economici intercorsi tra i due stati totalitari. Questo libro vuole essere un punto di partenza per una ricerca più sistematica e completa attorno a queste intricate relazioni.

Pagg. 120
ISBN 9788896553008.