12,00

9 disponibili

COD: 1600 Categoria:

Descrizione

Giorgio Barlotti nasce a Roma il 6 febbraio del 1939. Si diploma in Chimica Industriale, ma entra subito in Teatro con La compagnia de I Giovani, scelto da Giorgio De Lullo e Romolo Valli, per un ruolo in Anima nera (anno 1960) Da allora lavora con attori e registi di fama.
In pensione dal 1975, solo a 70 anni si dedica a scrivere. Dopo varie commedie, si cimenta con la narrativa scrivendo il libro “Romani!” e successivamente
“I ragazzi di Quadalto”.
Vive ad Imola, con la moglie, attrice, pronipote di Ermete Novelli, figlia d’arte.

Protagonisti di questo romanzo sono i ragazzi di Quadalto, una piccola frazione ai limiti dell’Appennino Tosco Romagnolo, posta fatalmente nella direttiva della prima divisione Inglese che dopo Firenze e Borgo San Lorenzo, attraverso i valichi dell’Appennino, doveva scendere verso la linea Gotica, a Monte Battaglia e Monte Cece. Siamo nel settembre del 1944. Il piccolo aggregato di case non è stato fino ad ora teatro di guerra. La vita è quella di tutti i giorni. La guerra è solo l’eco di ciò che si sente come notizia di fatti più o meno lontani. Solo il passaggio di formazioni aeree sopra la valle, dirette verso un fronte che sta retrocedendo, sono l’aggancio materiale con la guerra. La guerra è vissuta con sofferenza dagli adulti, madri, nonni, rimasti a casa. Per i ragazzi non è un vero e proprio intralcio alla loro vita. E la loro gioventù, fino al passaggio dei combattimenti, continua nei giochi quotidiani. Poi la divisione inglese scende dal valico, passa per il piccolo borgo e sconvolge la vita degli abitanti. Pochi giorni fermi, poi i soldati passano lasciando dietro di sé ricordi brucianti negli adulti e latenti nei ragazzi. La vita riprende come prima: scuola e giochi per strada. Solo crescendo i ragazzi faranno riaffiorare quei ricordi.

PAgg. 104 ISBN 9788896553855